ilGiardinoblu: gioielli organici che evolvono

Collana ilGiardinoblu - segreti 2011 - argento, legno, canapa, cotone, carta, garza, sale fossile

Collana ilGiardinoblu - segreti 2011 - argento, legno, canapa, cotone, carta, garza, sale fossile

Da ilGiardinoblu di Francesca Mancini, alcuni gioielli organici realizzati con elementi “rubati” alla natura, trovati e ritrovati nel cammino della designer.

Il caso di questi gioielli, creazioni (e non è per retorica che lo dico), veramente uniche e particolari, si ricollega a diversi temi trattati in passato. Da quello propriamente dei gioielli con elementi naturali, a quello con materiali di recupero, a quello dibattuto sulla questione scuole Vs. esperienza pratica.

Benché con studi in ambito creativo (Accademia di Belle Arti NABA Milano), la designer non ha frequentato scuole specifiche di design sul gioiello o corsi di oreficeria. Ma il risultato è come se li avessi fatti, perché lo stile è studiato. Questo darebbe ragione a chi sostiene che non sia necessario perfezionare il talento naturale con studi accademici, che il gusto viene da dentro. Ma la dà anche a me, che sostengo che l’educazione serva, perché comunque Francesca Mancini ha perfezionato la sua creatività attraverso l’arte e il design. E si vede nella scelta dei colori, nella proporzione degli accostamenti, che aiutano a dare forma all’immaginazione interiore.

Spilla ilGiardinoblu - il patto 2010 - legno, canapa, argento, granati, oggetto trovato

Spilla ilGiardinoblu - il patto 2010 - legno, canapa, argento, granati, oggetto trovato

Le immagini, bellissime, aiutano invece a capire il processo e spiegano i materiali (che includono legno, argento, findings, cotone, frutta, canapa). E anche questo fattore, oltre ad essere indicativo di attenzione ai dettagli, serve a presentare bene il progetto anche se non lo si tocca con mano.

Spilla ilGiardinoblu - Corpo 2011- frutta, riso, cotone

Spilla ilGiardinoblu - Corpo 2011- frutta, riso, cotone

Questi gioielli si devono intendere come creature viventi, e come tali evolvono e si modificano nel tempo. Non necessariamente si deteriorano o perdono in vestibilità, ma cambiano colore e consistenza. E devono “vivere” il meno possibile in ambienti chiusi. In un certo senso la loro poesia sta nel fatto che non sono eterni, ma come tutto quello che vive, sono soggetti ai capricci della natura.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Collane, Gioielli Donna Stile Organico, Spille

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...