Ancora su Dover Street Market e Arielle de Pinto

Bracciale di Arielle de Pinto

Bracciale di Arielle de Pinto

Dopo aver rivisto a distanza di mesi il concept store Dover Street Market, mi rimangio quello che avevo detto. E’ bellissimo.

Sarà che molta della moda in vendita mi riporta alle numerose mostre che Londra ha e sta dedicando agli stilisti giapponesi, ma ho visto degli abiti, delle scarpe, delle scelte stilistiche, che si distaccano da quello che si vede in tutti gli altri imperi del lusso. E come ha usato le righe da marinaio Watanabe non lo ha fatto neanche Jil Sander.

Sul lato gioielli la scelta è meravigliosa anche se ancora più inaccessibile e leggermente più scontata dell’abbigliamento. Ci sono ad esempio Redline e Delfina Delettrez. Ma ci sono anche Gaia Repossi (che aspetto di vedere in versione street per Zadig & Voltaire, già online ma non ancora nei negozi) e Arielle de Pinto.

Bracciale di Arielle de Pinto

Bracciale di Arielle de Pinto

A proposito della quale, ho finalmente visto i gioielli knitting/crochet (non ancora quindi nella nuova fase pungente). In diversi citano questo stile caotico di catene lavorate come una maglia, ma il suo disordine è irraggiungibile. Così come il colore assolutamente artificiale, che la designer ricerca e ottiene con la collaborazione di un fisico. I colori innaturali assumono le gradazioni di verde radioattivo, giallo esplosivo, viola nucleare.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Bracciali, Gioielli Donna Stile Avanguardia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...