Ikou-Tschüss: tessuto e crochet

Sciarpa di Ikou-Tschüss

Sciarpa di Ikou-Tschüss

Pur amando il bravissimo Faliero Sarti, ai suoi pon-pon primavera 2011, questa volta gli preferisco (o meglio aggiungo) il crochet di Ikou-Tschüss, brand avviato nel 2006 da Guya Marini e Carmen D’Apollonio, la cui origine italiana si intuisce dal nome.

La combinazione di gusto italiano ed eco-spirito svizzero ha dato origine ad un progetto bello, originale, etico e intelligente, che riflette l’umore dei tempi. E non (solo) per la questione di responsabilità verso l’ambiente, quanto per il coinvolgimento di manodopera locale (quindi svizzera), oltretutto di una certa età (nonne), che lavora seguendo pratiche tradizionali femminili. Qualche brand, soprattutto se vengono impiegate tecniche di cucito, maglia e crochet, utilizza l’idea, in altre occasioni però, avevo trovato il prodotto finale carino ma non particolare.

Un percorso al contrario quello intrapreso dal marchio svizzero, rispetto alla “politica” attuale di micro e macro brand, che punta alla localizzazione di prodotto e manodopera.

Questo incide sui prezzi e sull’offerta dei prodotti (foulard, borse, abiti stampati in seta, cotone, lana e rifiniture crochet), che è limitata. Ma oltre al controllo e alla qualità, due principi sono importanti e legati uno all’altro: senso di responsabilità verso il territorio, che ormai la fast fashion ha cancellato, e il ritorno ad un’estetica senza tempo.

Per questo mi piace questa scelta slow fashion di nicchia, fatta di eco-prodotti locali, manodopera del posto, mantenimento di tecniche tradizionali, impiego di donne di una certa età. Un’estetica studiata, lavorata, non omologata. Non penso sia semplice trovare questa linea. Come altri brand di origine handmade e naturale, io l’ho scoperta da Couverture and The Garbstore.

In un momento in cui sembra trionfare l’estetica del brutto e del grottesco, bisognerebbe riprendere in mano la filosofia degli esteti e scrivere un nuovo manifesto, in cui si celebra la bellezza delle cose belle.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Chiacchiere di moda

4 risposte a “Ikou-Tschüss: tessuto e crochet

  1. Io ci sto!
    bell’ articolo, comunque. Al solito!

  2. Sai un programma interessante? Il contratto, su la 7 http://www.la7.it/ilcontratto/

    • ne ho letto ma non l’ho mai visto. Sul genere ho visto quelli di Donald Trump e Lord Sugar (una sorta di imprenditore inglese) e poi qualche anno fa c’era un programma di cui non ricordo il nome che veniva trasmesso su Sky (mi sembra), che era interessante e raccontava la selezione di uno stagista nell’ambito creativo (moda, design).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...