Paris Fashion Week: nostalgia fetish da portiere di notte

Paris Fashion Week: nostalgia fetish da portiere di notte

Paris Fashion Week: nostalgia fetish da portiere di notte

Paris Fashion Week: sulle note nostalgiche anni Quaranta con l’aggiunta di giacche di pelle nera fetish, piomba pesante Louis Vuitton.

Mentre leggo di recensioni acquose che parlano di abiti e modelle famose (che qualcuno ha anche molto italianamente-maschilisticamente notato per i naturali cedimenti corporei, eh sì, per quanto belle non tutte sono più adolescenti – in questo e solo questo, l’Italia non è un paese per vecchie…), tali da distogliere l’attenzione dal vero tema, ovvero la moda, mi viene da chiedermi: ma che film hanno visto?

Uno diverso da quello che ho guardato io, digitalmente lontana dalle passerelle. Ovvero, un Marc Jacobs che per Louis Vuitton ha rispolverato i fantasmi della guerra espressi molto cupamente in Portiere di notte. Dall’oggetto più consueto per feticisti sottomessi (tacchi e manette) agli indumenti più scontati per attempati voyeur (cappelli e divise; grembiuli e colletti).

Jacobs non poteva immaginare (o forse sì), alcuni sviluppi della storia. Ma in un momento in cui ci si interroga con non molta convinzione, se tutto sia possibile per chi ha soldi e potere (il caso del signor B. ma anche quello del principe A. per non dimenticare quello del dittatore G.), con venti di guerra che si sono trasformati in burrasche imprevedibili (e impreviste), sentivamo il bisogno di abiti-divisa di ispirazione rétro militare e tra l’altro, di quella peggiore che la storia moderna ricordi, citata proprio recentemente da pure uno dei suoi colleghi un po’ avinazzato (che caso vuole, appartenere alla stessa casa madre, il gruppo LVMH)?

C’è del glamour in pantaloni di ispirazione SS? Io l’ho trovata una sfilata più che brutta, volgare, dove volgare non si riferisce al senso dell’estetica e dello stile, alla pelle esposta e al reggicalze, ma all’idea che si possa rendere “fashion” e “spettacolare” qualsiasi cosa. Perché Portiere di notte, al di là del tema controverso della trasgressione, non è una storia allegra come modello di riferimento e non invoglia all’acquisto…

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Chiacchiere di moda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...