Shop Alert: Les Senteurs, Malle e l’odore del profumo

Shop Alert: Les Senteurs e l'odore del profumo

Shop Alert: Les Senteurs, Malle e l'odore del profumo

Dopo liste di nomi, dopo consigli virtuali, dopo ragionamenti olfattivi, la scelta è stata fatta, il profumo è stato scelto (thread & thread).

Spiazzando lo stesso proprietario di Les Senteurs, il negozio di fragranze di Elizabeth Street, ho fatto una scelta basata più sul pensiero che sull’odore. Il che è un controsenso, ma ha comunque dell’irrazionale.

Dopo aver provato molti dei nomi suggeriti e non averli trovati soddisfacenti (effetto evanescenza della rosa su di me), è arrivato Le Parfum de Thérèse – Editions de Parfums di Frederic Malle (effetto racconto vintage su di me).  Che non c’entra con quello che cercavo. La voglia di un’essenza dolce mi è rimasta, magari sperimenterò violette, iris, gelsomini. Non ne ho idea, ma intanto mi godo questo profumo che mi ricorda il prato…

In quanto allo shop, molto carino, un gioiellino incastonato in una strada deliziosa, tra pasticcerie, cappellai e gioielli, anche se particolare. La prima metà è un viavai casual sciatto di viaggiatori (siamo dietro alla stazione dei pullman e dei treni di Victoria), la seconda metà è casual chic.

Le Parfum de Thérèse

Le Parfum de Thérèse - Editions de Parfums di Frederic Malle

Cosa: profumi, fragranze, creme (che fanno tornare in mente le descrizioni di Il profumo di Süskind)

Chi: Les Senteurs

Dove: 71 Elizabeth Street, London, SW1W 9PJ

Cosa trovare/stile/nomi: Editions de Parfum di Frederic Malle, Parfums de Rosine, Parfumerie Generale, Amouage, Robert Piguet e non so quanti altri ancora. La troppa scelta inibisce e inebria. Li si vuole provare tutti ma c’è il rischio stordimento…

Annunci

7 commenti

Archiviato in Shop Alert

7 risposte a “Shop Alert: Les Senteurs, Malle e l’odore del profumo

  1. Patty

    Le parfum de Thérèse è un profumo molto amato nei blog di settore, ma il nome mi ha sempre infastidito (dedicato a un’altra e non a me! ;)).
    Di Malle a me piacciono Musc Ravageur di Maurice Roucel e En passant di Olivia Giacobetti.
    Frédéric Malle è un bel tipo, un esteta.

  2. Patty

    Ho dimenticato Noir Epices, fantastico, peccato aver recuperato solo la crema corpo.

  3. detta

    Secondo te, l’olfatto si può educare? Quindicenni con profumi improponibili da mal di testa costante (nomi famosi naturalmente..), reputano profumi “buoni” insignificanti!

    • questa domanda sarebbe più indicata per “nasi” professionisti, io per quanto posso ipotizzare, credo che come tutte le cose, anche l’olfatto si possa “educare”. Ci sono dei limiti, ma come il palato, il gusto, la vista, a forza di vedere e sentire cose buone, si migliora. Su certi soggetti (giovanissime e fashion-victim), non credo sia l’odore in sé che attira, quanto il nome. La brandizzazione influenza le menti più “deboli”…

  4. Fragrancescout

    In effetti è una scelta che spiazza, sapendo che cercavi un profumo alla rosa…
    Però il bello dei profumi è proprio questo, spesso sono loro a scegliere te.
    Le parfum de Therese è un profumo postumo con una storia molto affascinante, composto da uno dei Mostri Sacri della profumeria di tutti i tempi, Roudnitska e anche se non è il mio preferito della linea di Malle è comunque un’ottima scelta dal sapore un po’ retrò e dalla qualità indiscussa e indiscutibile.
    Per quanto riguarda l’educazione all’olfatto penso che sia possibilissima, bisogna annusare, annusare e annusare e man mano la sensibilità si sviluppa, ci vogliono tempo e pazienza e magari anche una buona guida.

  5. Fragrancescout

    In effetti è una scelta che spiazza, sapendo che cercavi un profumo alla rosa…
    Però il bello dei profumi è proprio questo, spesso sono loro a scegliere te.
    Le parfum de Therese è un profumo postumo con una storia molto affascinante, composto da uno dei Mostri Sacri della profumeria di tutti i tempi, Roudnitska e anche se non è il mio preferito della linea di Malle è comunque un’ottima scelta dal sapore un po’ retrò e dalla qualità indiscussa e indiscutibile.
    Per quanto riguarda l’educazione all’olfatto penso che sia possibilissima, bisogna annusare, annusare e annusare e man mano la sensibilità si sviluppa, ci vogliono tempo e pazienza e magari anche una buona guida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...