Tra caos e ragione, i gioielli di Nunzia De Feo

Spilla/ciondolo di Nunzia De Feo

Spilla/ciondolo di Nunzia De Feo (Wire Collection)

Oggi vi parlerò di Nunzia De Feo.

Designer italiana di gioielli, ha stadiato a Londra, ha fatto corsi di approfondimento e aggiornamento in Italia, ha vinto borse di studio. Questo l’ha portata a sviluppare una profonda conoscenza (teorica e pratica) del gioiello nella sua complessità, dalla storia alle tecniche ai materiali. Il mondo del gioiello può avere molte similitudini con il mondo dell’arte. E non è un caso che ci siano contaminazioni tra i due campi, anche se non avevo mai pensato a dei movimenti di pensiero/teoria anche nell’ambito gioiello. Ma è così, come la corrispondenza virtuale intrattenuta con Nunzia, mi ha fatto scoprire.

La designer realizza lavori con materiali poveri e si concentra in particolare su due tipi di collezioni, quella con il filo (la Wire Collection) e quella con la stoffa (la Fabric Collection).

Spilla di Nunzia De Feo (Wire Collection)

Spilla di Nunzia De Feo (Wire Collection)

La fase di ricerca è non solo parte del percorso, ma processo fondamentale per lo sviluppo del pezzo/collezione. Per la Wire Collection, si inizia infatti con la raccolta di tutti i fili disponibili sul mercato (anche ferro preso in un cantiere edile) uniti poi a materiali grezzi (perspex, cocco, perline, pietre dure, perle, gomma, piume). Si prosegue con la costruzione mentale in termini di dimensione e forma. Si scelgono i colori. Un processo razionale a cui segue un’esecuzione libera e fantasiosa, spontanea e intuitiva (libera da uncinetti e martelli).

I pezzi seguono uno stile che si ripete nel tempo ma con varianti stagionali e visto il procedimento, con risultati che non potranno mai essere uguali.

Orecchini di Nunzia De Feo

Orecchini di Nunzia De Feo (Fabric Collection)

La Fabric Collection è un progetto nato per la madre e realizzato con il suo diretto coinvolgimento. E’ infatti lei che arrotola e cuce i pezzi di stoffa che sono alla base di questa collezione, leggera e romantica, stile prairie. Anche qui, la semplicità non è banalità.

Quello che ho trovato interessante è la storia nel suo complesso, l’originalità dei pezzi che risentono del mondo dell’arte, la sorpresa che suscitano i colori e i loro abbinamenti. Le foto non rendono (come del resto il sito) il valore dei gioielli (dove valore non sta nel fatto economico). La composizione è solo apparentemente caotica. Oltre al fatto che è capitata nei giorni in cui parlavo di Little Glass Clementine i cui pezzi, visto l’uso del filo, me l’hanno ricordata.

Ho pensato quindi, tutto questo studio, porterà fortuna alla De Feo, come sta succedendo alla creativa inglese, che tra l’altro non ha neanche approfondito accademicamente la materia?

Intanto mentre stavo girando per il negozio di Erickson Beamon, che non scarseggia di cose particolari e belle, la spilla (foto cover del post, omaggio della designer e parte della collezione A/W 2011), è stata apprezzata. Non resta che monitorare gli sviluppi.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Gioielli Donna Craft, Orecchini, Spille

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...