London fashion week: stampa digitale e collage di tessuti

London Fashion Week: stampa digitale e collage di tessuti

London Fashion Week: stampa digitale e collage di tessuti

Meno revival e più innovazione alla London Fashion Week, che fedele alla tradizione di paese dove nascono tendenze e stili, ha puntato su giovani designer. Le citazioni ci sono, ma sono orientate al mondo dell’arte.

A parte la parentesi effetti speciali, dei tanti nuovi talenti, cosa resterà? Stampa digitale e collage di tessuti.

Stampa celebrata come vera e propria arte da Mary Katrantzou e Giles Deacon. La prima con riferimenti alle uova Fabergé, ai vasi Ming e alle porcellane. Effetto museale da dosare, ma spettacolare. Il secondo dal museo ha proprio tratto ispirazione, con sopralluoghi al V&A. Il risultato: abiti effetto ceramica alla William de Morgan. Devo dire, che dopo aver visto di persona la fonte di ispirazione dello stilista al museo, le mattonelle battono gli abiti.

London Fashion Week: stampa digitale e collage di tessuti

London Fashion Week: stampa digitale e collage di tessuti

Ancora influenze artistiche per Erdem, che ha fatto scivolare il tweed nella stampa. Per lui, effetto dissolvenza. Mentre per David Koma è un’ossessione polka-dot-pois. Effetto circolare stampato alla Yayoi Kusama, ottenuto con la collaborazione del fotografo Oleg Dou. Collage di tessuti crochet dai motivi tradizionali e plastica liquida per Christopher Kane. Effetto kitsch secondo tempi ad alta tecnologia. Kitsch più pop che tecno invece per Holly Fulton. Palazzi Art Déco e red lips.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Chiacchiere di moda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...