Supermarket Sarah: il muro delle meraviglie di Sarah Bagner

Supermarket Sarah

Supermarket Sarah: il muro delle meraviglie di Sarah Bagner

Storia ispirazionale di creatività ai tempi di internet.

Supermarket Sarah è arrivato materialmente in uno spazio fisico, Selfridges, ma normalmente vive virtualmente nella rete. Si tratta di un e-shop che vende finding di vario tipo, da oggetti particolari a bijoux non convenzionali ad abiti non tradizionali; da cose vintage a prodotti nuovi. Gusto particolare, generalmente di tipo craft un po’ di nicchia anche un po’ kitsch. La cosa particolare, che si aggiunge al particolare, è il fatto che la vetrina virtuale rispecchia l’allestimento reale degli oggetti che Sarah dispone sul muro della sua casa. E l’arredamento da caos creativo, induce secondo me all’acquisto.

Questa idea si trasferisce in alcune occasioni al reale, come accaduto nel corner pop-up che il supermercato si è ritagliato all’interno del grande store londinese (sempre più sperimentale, un contenitore di spazi diversi, di eventi pop-up che cambiano e propongono il nuovo e il non convenzionale. C’è sempre qualcosa di inaspettato che gira nell’aria, un modo di fare commercio, fast retailing, probabilmente faticoso, ma innovativo). Su di una parete è stato creato il mercato di oggetti appesi, che si possono toccare e provare.

Supermarket Sarah

Uno dei muri reali/virtuali di Supermarket Sarah

La parete, trattandosi di un ritaglio di muro inserito in un contesto colorato da grande store, un po’ si perde e fa meno effetto che nelle foto e nel web, ma l’idea c’è e attrae. E poi gli oggetti, sono particolari, non indispensabili ovviamente o forse assolutamente indispensabili, ma divertenti e nella norma accessibili. Come giustamente da tendenza attuale, molti bijoux cibo e toys. E io, ho finalmente assaggiato qualcuno di questi dolcetti…

Il mio consiglio è di navigare il sito, sotto browse sono arredate le diverse pareti, muri, walls, gallerie o come le si vuole chiamare, e clickare l’oggetto di interesse.

C’è gente che ha proprio il senso degli affari e del commercio, che sa trovare idee e venderle. Io no, ma ho trovato il nome che virtualmente farebbe al caso mio: i resti di una gazza (che lo trovo più adatto al troppo comune il bazaar della gazza, e anche più preoccupante…).

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Fenomeni ispirazionali, Pop-Up Store, Shop Alert

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...